logotype

TEATRO

 

"C'era una volta...Scugnizzi"

STAGIONE TEATRALE 2010-2011: (Scritto e diretto da Claudio Mattone)

RUOLO: DON SAVERIO (Protagonista)


Due ragazzi, Saverio De Lucia e Raffaele Capasso, “‘o russo”, una volta usciti dall’istituto di correzione per minori di Nisida, prendono strade diverse. Si rivedono dopo vent'anni.
Il primo è un prete di strada che si dedica al volontariato ed in particolare al recupero dei ragazzi del quartiere cercando di appassionarli alla musica, l´altro è un camorrista e quei ragazzi tende ad usarli come corrieri per i suoi loschi traffici.
Tra i due nasce uno scontro di personalità che si acuisce sempre di più, fino al punto che “‘o russo”, accecato dall’ira e incapace di affermare se stesso se non attraverso la violenza, arriverà ad uccidere Don Saverio. Ma il suo gesto, che potrebbe sembrare una vittoria, segnerà in realtà la sua sconfitta.
L’uccisione di Saverio darà a tutto il gruppo dei ragazzi la forza di ribellarsi alla camorra e di lanciare contro di essa una grande beffa, un grido di dolore, disperato e liberatorio, che diventa il grido di tutta la città.
È una storia semplice e popolare ambientata a Napoli, ma riconducibile ai ragazzi di tutte le città del mondo.

SAVERIO è un protagonista positivo, umano, vero. Non ha l’arroganza magari involontaria di un “eroe”. Ma lo è. L’eroe non è l’uomo che non conosce la paura. È l’uomo che la conosce, ma la vince. Che si uniforma ai propri principi sapendo quanto questo sia difficile e a volte impopolare. È anche uno che non ha paura di perdere, ma sa combattere.
La sua arma è la musica, il suo scopo è la verità: ecco perchè è un “eroe”. Perchè non si nasconde, perchè crede in quello che fa nonostante tutto. Perchè, nella sua capacità di giudizio e nella sua ironia, non dubita che il suo compito sia quello di partecipare con la spinta vitale della generosità.
Saverio sa che non si vive e non si muore mai invano, che tutto va fatto con questa idea in testa: il mondo ha bisogno di tutti. Ma noi sappiamo che di qualcuno ne ha bisogno di più.

 

FOTO GALLERY

 

 

  "Quartieri Spagnoli"

STAGIONE TEATRALE 2012-2013: (Scritto e diretto da Gianfranco Gallo)

RUOLO: CICINIELLO (Antagonista)

Uno spettacolo nato tanti anni fa, precursore nei tempi e nei temi trattati, che narra una Napoli reale, che fa i conti con la Camorra e che ci convive con i suoi annessi e connessi. Ispirato alla “Lysistrata” di Aristofane, ma ambientato nel celebre quartiere napoletano al confine con via Toledo e Piazza del Plebiscito, “Quartieri Spagnoli” ha godibilissimi momenti musicali, coreografici e comici, il mondo in cui si muovono i protagonisti è quello colorito ed assurdo dei cantanti “da matrimonio”. I toni esasperati e i riferimenti alla vita quotidiana nella nostra città, insieme al tema di fondo drammaticamente forte, danno luogo ad un mix emozionante di farsa e tragedia. Si passa dai contrasti tra clan, alla lotta per poter emergere di nuovi boss, fino allo sciopero del sesso delle compagne dei malavitosi di turno.

FOTO GALLERY

 

"STELLE A META'"

STAGIONE TEATRALE 2014-2015: (scritto e diretto da Alessandro Siani)

RUOLO : LELE (stella a metà)

Con “STELLE A METÀ” si annuncia un musical molto attuale: talento, giovani,musica, speranze, amore. Questi sono solo alcuni degli ingredienti che compongono la commedia musicale "Stelle a metà", un'idea di Alessandro Siani, con le musiche di Sal Da Vinci e le coreografie di Luca Tommassini. Tre grandi nomi dello spettacolo italiano che simettono a servizio di una storia di periferia. E' infatti proprio in uno dei tanti degradati comuni alle pendici del Vesuvio, che Nicola Avetrana detto Nick (il personaggio interpretato da Sal Da Vinci), ex cantante di successo, ha fondato la sua Star Academy, scuola di musica per giovani talenti. Le difficoltà sono molte, ma la passione, l'impegno e la volontà di salvare quei ragazzi da un destino fatto di strada ed emarginazione, spingono Nick a lottare con tutte le sue forze per tenere in piedi la sua scuola. La sorte però lo porta a scontrarsi con gli interessi di una grande multinazionale che, in quel quartiere, vorrebbe creare un centro commerciale. E a curare gli interessi del gruppo,verrà mandata a Napoli una vecchia conoscenza di Nick: Mia, il suo primo, grande ed indimenticato amore. Una commedia dove si ride, si canta, si soffre per amore ma soprattutto ci si emoziona con la grande voce di Sal da Vinci e di tanti giovani talenti.

 FOTO GALLERY

      © 2013 Andrea Sannino - Official Web Site